News

Notizie dal settore immobiliare

Bankitalia: il mercato immobiliare torna a crescere in Italia

Bankitalia: il mercato immobiliare torna a crescere in Italia

Il mercato immobiliare italiano, dopo anni di dura crisi, lancia finalmente dei segnali di ripresa.

A sottolinearlo è Bankitalia, la quale ha rilevato come, dopo anni di continuo calo delle compravendite, il trend annuale si sia finalmente caratterizzato da un segno positivo.

Anche Istat, d’altronde, conferma la ripresa, per quanto sia ancora decisamente esile: nell’anno 2014, infatti, si è registrato un incremento delle compravendite pari a +1,6% rispetto all’anno precedente, un dato che costituisce di fatto il primo segno positivo dopo ben 7 anni di ribassi.

Oltre a questo segnale incoraggiante, peraltro, Bankitalia ha sottolineato che è in crescita anche il numero di famiglie interessate all’acquisto di un immobile, dunque di famiglie che, ne corso dell’anno, si sono attivamente impegnate con l’idea di acquistare una casa visitando personalmente alcune proposte.

Sembra, quindi, che i tanto attesi segnali positivi stiano finalmente manifestandosi; allo stesso tempo, tuttavia, è utile valutarli in modo critico e moderare i facili entusiasmi.

Contestualmente alla crescita delle compravendite, infatti, bisogna registrare delle significative riduzioni dei prezzi degli immobili, un aspetto che solo in tempi recentissimi sta facendo registrare delle inversioni di tendenza, con una leggera attenuazione nella flessione dei prezzi.

Non bisogna trascurare, inoltre, che i tassi riguardanti i mutui si sono ridotti in modo molto significativo negli ultimi tempi, di conseguenza il passo di acquistare casa è divenuto fattibile per molte famiglie.

Le interpretazioni relative a tali dati, dunque, sono discordanti: c’è chi sostiene che questo segno positivo corrisponda alla definitiva “rinascita” del mercato immobiliare italiano dopo lunghi anni di crisi, e c’è chi, invece, sostiene che questa leggera crescita altro non sia che il risultato delle minorazioni dei prezzi.

E’ difficile, da questo punto di vista, sbilanciarsi; quel che è certo è che il 2014 ha rappresentato, quantomeno a livello puramente statistico, uno stop alla lunga trafila negativa che aveva interessato il mercato immobiliare italiano.